RSA “CONTAGIATE”, BOOM DI CASI A MEZZANA

6

La strage silenziosa prosegue. Sono 23 i nuovi tamponi positivi alla Rsa Casa Serena di Mezzana, alle porte di Prato. Tra questi 14 degenti e 9 operatori sanitari. Numeri che aggironano il totale della struttura a 36 con 3 decessi. La prima avvisaglia del focolaio era arrivata già nella giornata di Pasquetta quando una donna ospite della struttura ricoverata all’ospedale Santo Stefano per la frattura di un femore sottoposta al test è risultata positiva. Poi i risultati dei tamponi a tappeto disposti dalla Regione Toscana hanno confermato i timori delle autorità sanitarie. Gli operatori positivi sono stati messi in quarantena a casa loro e sono stati rimpiazzati. Nelle prossime ore la ASL Toscana Centro si confronterà con la direzione dell’Rsa per comprendere se creare una task force e gestire direttamente la struttura come accaduto per altre case di riposo. La struttura di Mezzana è soltanto l’ultima ad esser travolta dal Covid 19, aggravando un bilancio già pesantissimo. Sono oltre 100 infatti le vittime toscane da Coronavirus nelle residenze sanitarie assistenziali. La procura di Prato e quella di Lucca hanno aperto due inchieste, per accertare eventuali negligenze: la prima sulla rsa di Comeana, nel comune di Carmignano, dove ci sono stati sei decessi e la seconda sulla casa di riposo Paoli Puccetti di Gallicano dove sono morti quattro ospiti. La procura di Pisa sta ancora valutando se aprire un’inchiesta sulla gestione delle rsa San Frediano (Forcoli) e Leoncini (Pontedera): in entrambe sono morti tre ospiti. Hanno già annunciato esposto infine i familiari delle vittime della RSA Fabbri Bicoli di Bucine