LA RISCOPERTA DEL GIARDINO DELL’IRIS

10

Tra i luoghi riscoperti dai fiorentini in questa seconda fase dell’emergenza sanitaria c’è il Giardino dell’Iris, tra i più caratteristici ed esclusivi del capoluogo.
Il Giardino, unico in tutto il mondo è aperto solo in alcuni periodi dell’anno, fino al 20 maggio ammette ingressi contingentati dalle 10 alle 18. “Non perdetevi queste meravigliose fioriture!” è stato l’invito lanciato dal sindaco Nardella sui social network.
Il Giardino dell’Iris  nacque nel 1954 al piazzale Michelangelo con lo scopo di ospitare un Concorso floreale Internazionale. Fu l’assessore alle Belle Arti e Giardini, Piero Bargellini, a far assegnare ai promotori il terreno sul lato est del Piazzale, il cosiddetto ‘Podere dei Bastioni’. 
Il Giardino, su progetto iniziale dell’architetto Giuliano Zetti fu inaugurato nel Maggio del 1957. Oggi copre circa due ettari e mezzo con vista sul panorama di Firenze, con vialetti selciati in pietra serena, piazzole, scalette e scalinate perimetrali in zone che ospitano Iris barbate alte e da bordura, inviate per le varie edizioni del Concorso Internazionale per il quale è stato creato