“LA STRADA NON FU CHIUSA PERCHE’ NON ERA UNA GARA”

2

“Era una tranquilla pedalata tra amici non competitiva. Non c’era la necessità di chiudere la strada, purtroppo queste cose possono accadere, è la fatalità”. Lo ha affermato Enrico Fabianelli, 36 anni appassionato ciclista di Castiglion Fiorentino, una diagnosi di sclerosi multipla nel 2010 e 15 anni ininterrotti in bici, che venerdì scorso era nella staffetta con Alex Zanardi prima del grave incidente.
“Ci eravamo organizzati per avere una pattuglia della polizia municipale in testa per segnalare e l’abbiamo avuta sempre – ha sottolineato Fabianelli, ribadendo che in questi casi non è necessario il blocco della viabilità. Un aspetto confermato anche dall’ex ciclista professionista Daniele Bennati, anche lui tra i partecipanti alla tappa toscana di Obiettivo Tricolore in provincia di Siena. “Non posso rilasciare dichiarazioni – ha affermato – ma non c’era alcuna corsa in svolgimento”.
Toccherà alla Procura di Siena, che indaga insieme ai carabinieri attraverso l’ausilio di filmati e testimonianze, stabilire eventuali responsabilità tra gli organizzatori della manifestazione