LOGLI ANNUNCIA RICORSO A STRASBURGO

5

Sono innocente. Sono completamente estraneo alla sparizione di Roberta che manca ogni giorno sia a me che ai miei figli. È per questo motivo che ho deciso di rivolgermi anche alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo”. Condannato in via definitiva a 20 anni per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, Antonio Logli scrive queste parole di suo pugno dal carcere di Massa.
“Ho letto considerazioni che ritengo tendenziose – per usare un eufemismo – che coinvolgono non soltanto la mia persona, ma anche e soprattutto quella dei miei figli, in particolare Daniele. Voglio smentire categoricamente il fatto che mi viene imputato, di averli plagiati con i miei discorsi e comportamenti”.