EMERGENZA ECOBALLE, L’INCARICO A BORRELLI

9

Nelle settimane più difficili dell’emergenza coronavirus, gli italiani hanno imparato a conoscerlo quando, ogni sera alle 18:00, riportava dati e numeri sull’epidemia. Ora Angelo Borrelli, il capo di dipartimento della protezione civile, è chiamato a una nuova sfida professionale che lo porta sulla costa Toscana. E’ lui l’uomo scelto dal governo come coordinatore delle operazioni di recupero delle 56 ecoballe disperse sul fondale marino nel golfo di Piombino, all’altezza dell’isolotto di Cerboli davanti a Follonica.

La nomima di borrelli è arrivata congiuntamente alla dichirazione dello stato di emergenza nazionale, un provvedimento atteso da tempo, che il governo ha finalmente varato e che avrà durata sei mesi, periodo nel quale potranno essere adottate misure urgenti per procedere al recupero delle eco-balle e ridurre il rischio di un disastro ambientale.

“Finalmente si è posto fine ad una situazione di incertezza che non era più tollerabile” ha commentato ì il presidente della Toscana, Enrico Rossi, che considera “la nomina di Borrelli un elemento di garanzia”.
Al commissario per l’emergenza Rossi ha offerto la collaborazione della regione e ha augurato buon lavoro. Un lavoro tra l’altro già iniziato con una prima riunione nelle scorse ore per fare il punto sui primi interventi per il recupero delle 60 tonnellate di rifiuti che da 5 anni attendono sul fondale del mare toscano