ALLO STUDIO LE ”AUTOSTRADE” DELL’ACQUA

1

CARA ACQUA IN TOSCANA LE BOLLETTE SONO TRA LE PIU’ SALATE D’ITALIA MA C’è UN MAXI PIANO DA PARTTE DI PUBLIACQUA PER ALLEGGERIRE IL ARICO DI UN MILIONE EMEZZO DI TOSCANI. TRE MEGA AUTOSTRADE SOTTO TERRA PER PORTARE L’ACQUA DAGLI INVASI DI BILANCINO E MONTEDOGLIO E DAL SERCHIO NELE CONDOTTE ESISTENTI DI PUBLIACQUA . UN MAXI INVESTIMENTO DA 185 MILIONI DI EURO REALIZZABILE IN SEI O SETTE ANNI. TUTTO CIO’ CONSENTIREEBBE DI ALLEGGERIRE L’ANCONELLA CHE PESSCA RISORSA IDRICA SOLO DALL ARN E ABBASSEREBEB I COSTI DI PRODUZIONE DELL’ACQUA POTABILE DI UN TERZO . DIVERSIFICARE LE LINEE DI APPROVVIGIONAMENTO NON SOLO IL FIUME DI FIRNEZE CHE VALE ADESSO IL 55% , QUESTA E’ LA STRADA MAESTRA. L’OPERAZIONE CHE POTREBBE ESSERE LA PIU’ IMPORTANTE MESSA IN PIEDI DALLA SPA DELL’ACQUA DI FIRENZE PRATO E PISTOIA DOVREBBE ESSERE FINANZAITA, ALMENO QUESTO E’ L INTENTO CON I SOLDI EUROPEI DEL RECOVERY FOUND ANCHE SE ANCORA NON E’ CHIARA LA RIPARTIZIONE DI QUESTI FONDI STRAORDINARI ALLA TOSCANA DOVREBBE ARRIVARE UNA CIFRA CHE SI AGGIRA SUI DUE MILIARDI DI EURO. ECCOP CHE L’ACQUA E OVVIAMENTE UN BENE ESSENZIALE E STRATEGICO E IN QUESTO CONTESTO IL NUMERO UNO DI PUBLIACQUA LORENZO PERRA D’INTESA CON L’AITL’AUTORITA’ IDRICA TOSCANA PROVERA’A A CONVOGLIARE LETTERALMETE I DENARI UE NELLA RIVOLUZIONE COPERNICANA DELL’ACQUA TOSCANA