DROGA E SANGUE, DOPPIO DELITTO IN POCHE ORE

2

Sembra uscito dalla penna di un romanziere thriller quanto accaduto nelle ultime 48 ore in toscana. Un doppio delitto in fotocopia, il primo a porto di mezzo, nel comune di lastra a signa nel fiorentino, e il secondo tra grosseto e marina. due esecuzioni violente. la prima con un coltello, la seconda con un’arma che sarà possibile stabilire solo dopo i rilievi dell’autopsia, tanto era sfigurato il cadavere. in entrambi i casi le vittime sono giovani marocchini e la pista seguita, tanto dai carabinieri delle signe, quanto dalla polizia grossetana, è quella dello spaccio di droga.

d’altronde aveva precedenti specifici Azzeddine El Guerymy, il 28enne nordafricano ucciso a coltellate giovedì sera a Porto di Mezzo. quattro persone l’hanno convinto a seguirle sull’argine del fiume dove poi è stato pugnalato. il giovane abitava a campi bisenzio e la zona dov’è stato ammazzato era una di quelle che frequentava abitualmente, probabilmente anche per motivi di spaccio. la sua auto e il suo telefono sono sotto sequestro. le immagini delle telecamere di sicurezza che dovrebbero aver ripreso la macchina degli assassini in fuga sono state passate al setaccio.
potrebbe rivelarsi più complicato invece ricostruire l’omicidio di grosseto, anche questo avvenuto in un’area che notoriamente è usata dagli spacciatori per vendere la droga senza essere visti. nascondigli tra la vegetazione, lungo la strada. è qui che una donna passando a piedi ha scoperto il cadavere del giovane magrebino con la testa fracassata e il volto sfigurato, dai colpi di un machete o da un proiettile sparato a bruciapelo. il corpo è all’obitorio dell’ospedale misericordia e all’inizio della prossima settimana si svolgerà l’autopsia