BEKAERT, CASSA INTEGRAZIONE FINO AL 2021

4

Altre 9 settimane di cassa integrazione per allontanare le preoccupazioni e per prendere altro tempo prezioso per portare avanti una reindustrializzazione ancora piena di incognite. Sono in arrivo altre nove settimane di ossigeno i dipendenti della stabilimento ex Bekaert di Figline Valdarno. I rappresentanti della multinazionale belga hanno preannunciato alla Fiom l’intenzione di usufruire della Cassa Integrazione Covid prevista per il decreto Agosto che avevamo richiesto assieme alle altre organizzazioni sindacali durante l’ultimo incontro, il tavolo “a distanza” con il Ministero dello Sviluppo economico. A dare la notizia è il segretario della Fiom CGIL di Firenze Daniele Calosi. “Si tratta di ulteriori 9 settimane – ha aggiunto Calosi – che portano la scadenza della cigs nei primi giorni del 2021”. Attualmente gli ammortizzatori sociali scadono nei primi giorni di novembre. Nelle settimane scorse i lavoratori avevano dato vita a varie iniziative per tenere viva l’attenzione. Nonostante l’impegno di istituzioni e sindacati infatti, in tempi Covid trovare un soggetto pronto a rilevare l’intera forza lavoro non è affatto semplice. “Questa è una notizia positiva – ha concluso Calosi – poiché ci consente di lavorare alacremente per trovare una soluzione di reindustrializzazione per tutti i 180 lavoratori ancora attualmente in cassa integrazione, attraverso i piani industriali presentati al Governo di Trafilerie Meridionali e di Steelcoop Valdarno”.