FAMIGLIA TRAVOLTA DAL DOLORE: “SIAMO DISTRUTTI”

2

Tutti gli anni in estate tornavano in Marocco per le vacanze ma quest’anno no. Avevano deciso di trascorrerle in Toscana, Fatima e Hicham Lassiri insieme ai loro figli. Una vacanza che una tromba d’aria ha trasformato in un incubo. “Siamo distrutti”: non hanno parole lo zio e il papà di Malak e Jannat Lassiri, impotenti all’ospedale di fronte ai sanitari che comunicavano la straziante notizia del decesso delle due bambine. Malak era una judoka, aveva ottenuto diversi risultati nella sua categoria e intendeva seguire le orme della sorella più grande, 19 anni, qualificata alle competizioni giovanili regionali di judo con la stessa società sportiva. Jannat stava per compiere 3 anni. «Abbiamo lottato fino all’ultimo” ha detto sconsolata l’equipe medica del Noa. Le due bimbe sono arrivate dopo essere state soccorse dal personale del 118. Sono state portate entrambe al pronto soccorso in arresto cardiaco: la più piccola aveva il cuore fermo, la seconda, più grande è arrivata all’ospedale con una residua attività cardiaca che si è però spenta durante il viaggio. In totale c’erano 14 professionisti attivi per cercare di salvare le due bimbe. Una corsa contro il tempo, che purtroppo si è rivelata vana. La famiglia, Malak, Jannat e gli altri due figli di 19 e 9 anni di Fatima, erano partiti una decina di giorni fa. Andavano sempre solo in Marocco. Partivano a metà luglio andavano dai parenti in Francia e poi nel loro Paese d’origine. Ma quest’anno il Covid aveva cambiato i loro piani.