TRAGEDIA NEL CAMPEGGIO, PERIZIA SUL PIOPPO CADUTO

3

Sarà un perito agronomo esperto a valutare le condizioni del pioppo caduto per il maltempo nel Camping Verde Mare di Marina di Massa. La procura di ha aperto un’inchiesta, due le ipotesi di reato: omicidio colposo e lesioni gravi. Tramite il perito agronomo la PM Roberta Moramarco, titolare dell’indagine, avrà un quadro più chiaro sulle reali condizioni della pianta. Le radici dell’albero il cui crollo ha causato la morte di Jannat e Malak a prima vista, secondo quanto trapela de fonti vicine alla Procura, sarebbero in cattive condizioni. L’area del campeggio teatro della tragedia è stata immediatamente posta sotto sequestro. Alcuni rami di altri alberi sono stati tagliati per paura di altri crolli. Al vaglio anche la condotta del campeggio. “Non c’è nessun regolamento scritto che stabilisca come ci si debba comportare nei camping in caso di allerta arancione – dice Marco Lucetti presidente di Ageparc, l’associazione dei campeggi per la provincia di Massa Carrara” -. Capisco che ci siano tanti dubbi cui rispondere, ma adesso non è il momento”. Intanto la comunità di Massa si unisce in un virtuale abbraccio alla famiglia torinese nella giornata di lutto cittadino proclamato dal sindaco Francesco Persiani. Le bandiere del palazzo comunale e degli edifici pubblici saranno a mezz’asta e tutta la cittadinanza e’ stata invitata ad esprimere la partecipazione al lutto cittadino nelle forme ritenute piu’ opportune.