INCENDIO GHIOMELLI, CONTINUANO LE INDAGINI

2

Ormai è ben più di un sospetto. L’incendio che sabato ha completamente distrutto il Ghiomelli Garden a Livorno, è doloso. La procura, che ha aperto un’indagine sull’accaduto, ha acquisito diversi filmati amatoriali. Da uno di questi si vedrebbero tre diversi fronti di fuoco, tutti provenienti da una stradina laterale chiusa da un cancello che divide l’area commerciale andata in furmo da un distributore di benzina. Al momento tuttavia la Squadra mobile della polizia di Stato non sa spiegarsi i motivi dell’accaduto, visto che la famiglia titolare dell’attività non avrebbe mai subìto minacce. Nei prossimi giorni il fascicolo aperto in procura dovrebbe quindi contenere le nuove ipotesi di reato: incendio doloso e danneggiamento seguito a incendio. Per ora contro ignoti.
In ogni caso serviranno ulteriori indagini. In un primo momento, infatti, si era pensato a un evento accidentale, con il rogo magari partito da un mozzicone di sigaretta lanciato da un automobilista, con il fuoco poi alimentato dal vento di scirocco che in quelle ore sferzava la città. L’unica certezza resta al momento il luogo in cui hanno avuto origine le fiamme: le sterpaglie tra il negozio e l’impianto di carburanti, ques’ultimo salvato dalle fiamme solo grazie al tempestivo intervento dei pompieri