CASCINA IN BILICO, VIAREGGIO E FOLLONICA A SINISTRA

2

Non bastava la delusione della sconfitta nella corsa alla presidenza della regione. Susanna Ceccardi, e la Lega con lei, devono anche mandare giù il boccone amaro di Cascina. Il primo comune conquistato dal Carroccio in Toscana nel 2015 (quando proprio la Ceccardi ne divenne sindaco) rischia di tornare in mano al centrosinistra. Per ora le urne hanno decretato il ballottaggio tra il candidato del centrosinistra Michelangelo Betti (che ha ottenuto il 38% al primo turno) e quello del centrodestra Leonardo Cosentini (che si è fermato al 33%). A favore del ribaltone lascerebbe pensare il dato del voto regionale, visto che a Cascina Giani ha ottenuto quasi il 50% delle preferenze. oltre 10 punti più dlela Ceccardi, ma al secondo turno gli apparentamenti potrebbero giocare un ruolo decisivo

int

il centrosinistra può già festeggiare invece a Viareggio e Follonica. Nella capitale della Versilia Giorgio del Ghingaro ottiene la rielezione andando subito al di là del 50% delle preferenze e staccando di oltre 20 punti la candidata del centrodestra barbara paci

int

a follonica invece il successo di Andrea Benini al ballottaggio è stato storico, non tanto per il risultato, di poco superiore al 50%, quanto per il fatto che l’elezione è arrivata a un anno e mezzo di distanza del primo turno, dopo una contestazione che ne aveva annullato l’esito e una serie di rinvii per l’emergenza coronavirus