OMICIDIO DELL’ARNO, OGGI L’AUTOPSIA

13

Potrebbe essere il giorno della vrità sul giallo della morte di Roberto Checcucci, il 53enne di Fucecchio trovato senza vita domenica in un campo a ridosso dell’argine dell’Arno a castelfranco di sotto nel pisano.
Dopo una tac sul corpo oggi è in pragramma l’autopsia, esame che potrebbe svelare almeno la dinamica dell’omicidio.
Di certo i primi riscontri parlano di almeno una decina di ferite da arma da taglio sul corpo dell’uomo, segno della ferocia con cui l’aggressore ha infierito su di lui.
Il numero esatto verrà chiarito solo dall’esame di oggi che dovrà svelare anche quali di queste sono state mortali e la profondità delle ferite. Il medico dovrà anche indicare, in uno spazio temporale ragionevolmente ristretto, l’orario della morte.
L’ipotesi iniziale colloca l’omicidio tra le 9,30 e le 10,30. Checcucci era uscito intorno alle 8 da casa e dopo aver camminato per sei-sette chilometri è arrivato nell’area lungo l’argine dell’Arno. Gli investigatori dell’Arma escludono lo scenario della rapina degenerata e ribadiscono che il delitto è avvenuto dove è stato trovato il cadavere.