Niente coprifuoco, sollievo per bar e ristoranti

7

La conferma di tutte le misure anticontagio finora previste, l’introduzione dell’obbligo delle mascherine all’aperto e la proroga dello stato d’emergenza al 31 gennaio; per ora nessuna nuova stretta alle attività: questo è in sintesi il nuovo dpcm presentato in Parlamento dal ministro della Salute Roberto Speranza. L’ipotesi di un coprifuoco aveva fatto alzare le barricate alle associazioni di categoria. Dopo le prime smentite fatte trapelare da Palazzo Chigi, l’intervento l’informatiba del Ministro Speranza ha fatto tirare un sospiro di sollievo a ristoratori e titolari di bar della nostra regione. A guidare la rivolta è stata Confcommercio che aveva descritto l’eventuale coprifuoco alle 23 come un “colpo di grazia” per un settore già duramente messo alle corde dal Coronavirus. Tutti d’accordo invece sulle mascherine. Alcuni comuni hanno già anticipato il Governo e il neo Governatore Eugenio Giani ha sottolineato la necessità del provvedimento. L’esecutivo non ha escluso, in futuro, misure più stringenti ma al momento non cambierà molto. “Siamo in una situazione diversa da quella della fase iniziale, quella più acuta – ha detto il Premier Giuseppe Conte -. E’ chiaro che il contagio continua, ma io posso dire che siamo fiduciosi di tenerlo sotto controllo perché abbiamo un sistema sanitario rafforzato e poi abbiamo elaborato un sistema di monitoraggio molto sofisticato che ci consentirà, laddove necessario, di intervenire in modo mirato e circoscritto”.