GIANI: “PIU’ TAMPONI E TEST RAPIDI”

3

I numeri della nuova ondata di Covid, cresciuti nettamente soprattutto nell’ultima settimana, preoccupano. Così, la Regione si sta organizzando per aumentare gli attuali circa 10 mila tamponi giornalieri a più di 15 mila. Inoltre saranno introdotti test più rapidi per gli studenti toscani per cercare di avere risposte celeri e così non bloccare intere famiglie. 
Sono questi i contenuti principali della nuova ordinanza che sarà firmata lunedì dal governatore Eugenio Giani dopo un incontro avvenuto con i direttori delle Asl per mettere a punto il piano per contrastare l’escalation di contagi.

“Mi sento comunque di rassicurare i cittadini toscani – ha affermato il presidente della Regione – la risposta dei servizi finora è stata ottima e le strutture hanno dimostrato di poter contrastare in modo efficace questo momento delicato. Abbiamo deciso di potenziare i tamponi, inoltre – ha aggiunto Giani – metteremo a disposizione delle scuole test più rapidi proprio per venire incontro alle richieste delle famiglie e permettere agli studenti toscani di ridurre al minimo le assenze”.

Nel frattempo, la Regione sta già preparando anche una nuova campagna di distribuzione di mascherine gratuite. L’idea è quella di tornare coinvolgere i Comuni e inviare loro in un’unica tranche di circa 8 milioni di scorte accumulate, fornendo almeno 5 dispositivi di protezione per ogni cittadino. Per il via all’operazione, però, Palazzo Strozzi Sacrati sta cercando di raggiungere un accordo con Anci, visto che a primavera erano stati proprio gli enti locali a lamentare numerose difficoltà nell’effettuare la distribuzione porta a porta, convincendo poi l’ex governatore Enrico Rossi a dirottare la distribuzione prima su farmacie e supermercati e successivamente verso le edicole. Adesso né farmacisti né edicolanti hanno dato l’ok alla fase due della distribuzione. Quindi, per far scattare l’operazione, da parte della Toscana è necessario innanzitutto il coordinamento dei Comuni e della Protezione civile.