INDICE RT IN CALO, ATTESA PER IL NUOVO REPORT

20

E’ sceso attualmente sotto quota 1,5 l’indice Rt in Toscana. Un numero, quello realativo al tasso di contagiosità del Covid sul territorio, fondamentale per un ritorno della Regione in zona arancio. Quando, nei giorni scorsi, ci fu il passaggio in zona rossa e l’ulteriore incremento delle misure restrittive, infatti, l’indice Rt era schizzato a 1,8, il dato più alto a livello nazionale.
Adesso però la situazione in Toscana è migliorata: la progressione del virus sta rallentando, sia per quanto riguarda la percentuale di contagi che sul fronte dei ricoveri negli ospedali, uno degli aspetti finora più preoccupanti di questa seconda ondata.
Gli attuali numeri relativi all’andamento dell’epidemia nella regione saranno analizzati proprio oggi dal tavolo nazionale sul Coronavirus, ma per il ritorno della Toscana in zona arancione servirà attendere almeno fino al 27 novembre. Per l’entrata in vigore dei provvedimenti, invece, si dovrà aspettare il nuovo Dpcm del Governo, previsto per il prossimo 3 dicembre, in cui potrebbero essere inseriti alcuni alleggerimenti alle restrizioni. L’ipotesi allo studio riguarda la possibilità di un orario 9-22 per i negozi (così da concedere più tempo ai cittadini di fare acquisti per le festività natalizie), la riapertura di bar e ristoranti sotto linee guida stringenti, e un allentamento del coprifuoco
Il governatore della Regione Eugenio Giani è fiducioso, così come il sindaco di Firenze Dario Nardella: “Nelle ultime 24 ore in Toscana abbiamo 2200 nuovi positivi, di cui quasi 600 nell’area fiorentina: siamo un po’ saliti rispetto a ieri, ma c’è la tendenza a una lieve diminuzione” ha affermato il primo cittadino, sottolineando che “se stabilizzeremo l’indice Rt sotto l’1,5 per un periodo consolidato allora potremo uscire dalla zona rossa”.