LA MAXI GIUNTA NON S’HA DA FARE

12

Rischia di scivolare sulla prima buccia di banana che trova sul suo percorso la giunta regionale di eugenio giani alle prese copn l’allargamento della squadra di governo ma anche con le fibrillazioni in seno alla maggioranza per un passaggio mai definitivamnete digerito da italia viva ma neanche dalla componente zingarttiana del pd.
Di fatto sono solo i lottiani a spingere perchè la compagine che accompagna giani in questa prima avventura da governatore si allarghi con un altro assessore e due sottosegretari. tre caselle che dovrebbero andare al massese giacomo bugliani e all’ex sindaco di piombino gianni anselmi, il terzo nome dpovrebb uscire dalle trattative politiche.
Per fare tutto questo, però, bisogna cambiare lo statuto regionale, la costituzione della toscana, non proprio un passaggio semplicisssimo e la prima votazione in consiglio doveva arrivare già prima di natale ma il tutto si è arenato in prima commissione, presieduta dallo stesso bugliani, con italia viva che si è subito messa di traverso dicendosi contaria al passaggio e lo stesso tra i denti hanno fatto anche i consiglieri dell’area sinistra del pd.
Inutile è stata anche la mediazione del presidente del consiglior egionale mazzeo, espressione proprio dell’area ex renziana, che aveva proposto in primis che la modifica avvenisse senza nessun ulteriore aggravio per le casse pubbliche. Il tentativo per il momento si è infranto contro il muro dei veti incrociati, se ne riparlerà probabilmente a gennaio quando sarà più chiara anche la posizione di italia viva sul fronte del governo nazionale