OSPITI RSA VACCINATI ENTRO IL 10 GENNAIO

15

L’ultimo focolaio di cui si è avuto notizia è quello alla residenza per anziani Barbantini di Bicchio in Versilia, già colpita nella prima ondata di contagi e adesso alle prese con 17 ospiti positivi. Quello che maggiormente preoccupa per dimensioni è invece il cluster scoppiato all’interno della Rsa San Francesco di Scarperia, dove tra ospiti (quasi 80) e operatori (una ventina) si contano poco meno di 100 malati.
Insomma anche se gli indicatori generali sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Toscana sono migliorati nelle ultime settimane, quello delle strutture di accoglienza per aziani resta il fronte più fragile della battaglia.
Per questo è qui che la campagna di vaccinazione muove i primissimi passi, in contemporanea con i reparti covid degli ospedali.
Le forniture non hanno ancora giorni esatti di consegna, ma appena la Pfizer li fornirà la Regione metterà in moto la macchina che a livello organizzativo è stata testata domenica scorsa nel vaccine day euroepo. Il cronoprogramma attuale, trasmesso dalla struttura del commissario Arcuri, prevede che da qui al 26 gennaio arriveranno in Toscana 135mila dosi di vaccino, ma la vaccinazione degli ospiti delle Rsa dovrebbe concludersi già entro i primi 10 giorni di gennaio. Il personale delle Residenze riceverà invece il vaccino insieme al resto del personale sanitario-ospedaliero. L’agenda delle somministrazioni verrà definita su appuntamento per tutti coloro che si sono prenotati, circa 44mila, su 54mila dipendenti della sanità