NOVE ANNI FA LA TRAGEDIA DELLA CONCORDIA

12

Il 13 gennaio sull’isola del giglio, ma per tutta la toscana e non solo, non è un giorn come tutti gli altri. 9 anni fa in una fredda sera in pieno inverno quella gigntesca nave da crocierà piombò sull’isola con 4200 persone a bordo e purtroppo 32 di loro non ce la fecero.
Seppur con tutte le limitazioni legate alla pandemia il giglio ha voluto comunque ricordare quella tragedia e lo ha fatto innanzitutto con una cerimonia religiosa celebrata da don Lorenzo, il parroco che in quella gelida notte aprì le porte della chiesa alle migliaia di naufraghi spaventati e molti feriti: don lorenzo lascerà il giglio, è stato trasferito a santa fiora, ma ha voluto comunque essere presente

Il comandante di quella nave, Francesco Schettino, è ancora rinchiuso nel carcere di Rebibbia, dove sta scontando la pena definitiva a sedici anni di reclusione. Carcere dove sta studiando, praticando sport e dove scrive articoli per un giornalino interno. Ma soprattutto dove sta attendendo che la Corte europea di Strasburgo decida la data per discutere il ricorso che il suo legale, ha depositato già da tempo, la cui prima udienza dovrebbe essere fissata tra aprile e maggio prossimi. “